Tecniche Buddiste di auto-rigenerazione

Come mantenere il corpo in buona salute con i Tredici Riti Tibetani.
Con la dinamica energetica della ghiandola coccigea Luschka si attiva il fuoco interiore, incrementando cosi il flusso dei quattro livelli distinti di energia vitale, ai quali il corpo accede in modo graduale e progressivo con la pratica quotidiana.

Il primo livello si raggiunge eseguendo i movimenti corretti, insieme alla dinamica del respiro.

Nel secondo livello si introduce la dinamica energetica dei tre riscaldatori con la contrazione dei tre diaframmi (pelvico, diaframmatico, gutturale), fondamentali e indispensabili per attivare e guidare l’energia vitale all’interno de corpo.

Il terzo livello di energia si raggiunge con il sesto rito, dove agiscono le tre contrazioni diaframmatiche simultaneamente, portando energia vitale, dalla ghiandola coccigea Luschka, alla ghiandola pineale.

Al quarto livello si accede per mezzo della dinamica di accumulo energetico, ora siamo in grado di spostare intenzionalmente l’energia vitale in qualsiasi parte del corpo, poiché abbiamo sviluppato le tre formule potenziali: l’Intenzione, l’Ascolto l’Azione. Ora la pratica dei Riti Tibetani ci permette la liberazione dei blocchi emotivi che inibiscono il naturale fluire dell’energia vitale e la vitalità del corpo si accresce inarrestabilmente ogni giorno di più.